SAILING BREAK 2023 _ Report 2 6 Luglio 2023 – Posted in: Diario di Bordo

Potete seguire la navigazione attraverso il nostro tracking al seguente link

6.07.2023
Salpati da Palinuro alle 19.00 abbiamo armato le vele rapidamente, cercando di sfruttare tutto il vento leggero ancora disponibile, sulla rotta verso le Isole Eolie. Dopo la cena al calar del sole, il rassetto della coperta e della cucina, la pulizia dei bagni, sono partiti ufficialmente i turni di guardia.

Tre turni alternati di tre ore ciascuno: turno di guardia, turno standby, turno di riposo. La navigazione notturna è sempre un’emozione forte, soprattutto per chi non l’ha mai fatta. L’attenzione è maggiore e l’oscurità ti obbliga a fidarti di più degli altri sensi. Tutti gli allievi si sono avvicendati al timone. Siamo riusciti a fare vela per le prime due ore, poi ci siamo aiutati anche con il motore.

Diversi cambi vele hanno caratterizzato tutti e tre i turni di guardia, e l’equipaggio si è mosso con buona disinvoltura sulle manovre, tutte coordinate in lingua inglese. Siamo al quarto giorno e la barca inizia a diventare più silenziosa ed armonica. Ancora c’è molto da fare. Stiamo insistendo sul concetto di comunità: siamo abituati a terra che c’è qualcun’ altro che fa il lavoro per noi e spesso abbiamo anche il lusso di poter scegliere di non fare ciò che non mi piace. Tutto questo inconsciamente a scapito degli altri. Quando si cerca di evitare il turno cucina, oppure ci si attarda rispetto ad un impegno, in barca si vede subito, e la ripercussione sul funzionamento dell’equipaggio è palpabile, così come il disappunto di coloro che invece si impegnano sempre nell’interesse di tutti. Ecco il valore aggiunto di fare formazione marinaresca, tutto ciò che spieghi a parole ha un riscontro fattivo, verificabile e questo mette l’allievo di fronte all’evidenza di ciò che è meglio per lui e per gli altri.
Le eruzioni di Stromboli hanno guidato i timonieri, in una notte stellata e illuminata da una luna magnifica. Mare poco mosso e un vento via via piĂą fresco, hanno condotto Grinta a Lisca Bianca prima e Panarea poi.

Dopo un po’ di riposo ed una carbonara rivisitata buonissima è stato il momento della lezione d’inglese. Ora, mentre vi scrivo, l’equipaggio sta sbarcando per andare ad esplorare la buia e meravigliosa Panarea.
A domani, Tommaso